BENVENUTI SU CHISS CHI SO

Cari amici, ormai abbiamo scritto la storia. Da anni facciamo rivivere ai roccaseccani, le antiche tradizioni e le usanze di questa splendida terra che ha dato i natali a San Tommaso e Severino Gazzelloni. Ci piace rivivere la nostra storia con foto, detti popolari, e qualsiasi altro documento possa mantenere vivo il ricordo del passato e vivere contemporaneamente il presente con serenità e allegria. Per rivedere vecchie foto e altri documenti vi invitiamo a visitare il vecchio blog





BUON DIVERTIMENTO E BUONA NAVIGAZIONE A TUTTI



venerdì 21 luglio 2017

martedì 25 ottobre 2016

GLIU MILLECCENT



GLIU MILLECCENT

È arrivata la patent, mo chiappam  gliu milleccent.
Iamm iamm,  tutti quanta, mo cumencia la cummeddia.
Ce vedem alla Stazione po ce iam a fa nu gire.
Nen fa nient ca n 'è nova ma c'entram tutti quanta.
Roccasecca, Colfelice nu girett ogni mes'ora.
Sent sent e comm sona tè la radio solo AM
Roccasecca Campdent gliu gelat a Persechino
Giu cappeglie de papà bianche e chine de verderame.
Pora gent che venneva gli broccolett ncoppa la Casilina,
 prima poi passavam e la bancarella ribaltavam.
Non c'è tregua alla Stazione quann passa gliu machinone.
Era beglie fa la fila quann camminava a diece all 'ora, tutt arret a sonà e nua annanz a cazzeggià.
Erano era questa la generazione che rumpeva gli cugliune.
Cantavam viva Maria quann passavam pe la via.
Quanta storia e quanta vita sem scrittt a chell'età.
Ragazzi pazzi in milleccent ma no pe chess delinquent.

lunedì 24 ottobre 2016

GLIU SAITTONE


So vist nu saittone atterrra agliu muraglione.
N’era tanta la bruttezza quant la lunghezza.
Gli guardava e me guardava, me spostava e se muveva. 
So scappat quatt quatt e gliu saittone s’è mboscat.
Sarà pure bella la natura ma cert vot mett paura.

GLIU BIVIE

GLIU BIVIE
Nu stradone long e dritt tra Chiuvitt e Mollicone.
Gli capigli alla militare da Giacobbe gliu barbiere.
Barba shampoo e mille lire da Rocc gliu barbiere.
Cent lire nella saccoccia pe gliu panino Lenuccia.
Quann arriva la corriera i stong annanz a Assunta la bottegara.
N'avè paura camionista ce sta Gaetano gliu gommista.
La vespetta s'è sfasciata, Angelo Bove te ce da n'aggiustata.
Se se 'ngolfa gliu motorino chiama subite Luigi Lorino.
Nu carrett chine spighe va alla mola de Dieghe.
Machine vecchie e capricci ce sta sempre Rocco Ricci.
S'è appicciata na spia alla machina, curr subite da Ntognemaria.
Insomma gira e vota, chist era gliu Bivie de na vota.

QUANT’ERA BELLA LA MELFA


Era gliu mare de Roccasecca, la Melfa, nu fiume ormai sempre in secca
Iev’n tutt agliu muraglione, gli giuvanott co le vaglione
Acqua chiara e cristallina aecc sotto alla Sabbatina
Ce truvav quasi tutt, femmene, ommene, e criature alla spiaggia de Cioccarutt
Quant’era bella la Melfa quann tutt era pulit
Da gliu Pont le Vall a Cerrit, è tutt i iorn nu ride
E’ fenuta la cummeddia quann la Melfa s’è sporcata
Ogge è tutta inquinata e la gent s’è ammalata

Iam annanz de stu pass ce reman sule nu foss